Fernando Pessoa, Lisbona- Einaudi - a cura di Maria Teresa Bonafede
rassegna stampa

Leggi alcune recensioni ed interviste, clicca sull'immagine per aprire il file pdf:

 
apri il file pdf
apri il file pdf
 
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
la repubblica, mariano deidda
il resto del carlino
publico
la voce del canavese
la sentinella
la nuova sardegna
la nazione
j letras
il sole 24 ore
Il Manifesto
il giorno mangiarotti
correio manha
la repubblica, mariano deidda e carmen consoli
confronti
il giorno
sole 24 ore
corriere della sera
la stampa
il manifesto
la repubblica, mariano deidda e carmen consoli
apri il file pdf
apri il file pdf
la repubblica, mariano deidda e carmen consoli
apri il file pdf
la repubblica, mariano deidda e carmen consoli
apri il file pdf
la repubblica, mariano deidda e carmen consoli
apri il file pdf
apri il file pdf
leggi il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
leggi il file pdf
 clicca
apri il file pdf
leggi il file pdf
leggi il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
leggi il file pdf
leggi il file pdf
coscia-deidda
apri il file pdf
scarica il file pdf
concertos
deidda
deidda
deidda
apri il file pdf
leggi il file pdf
deidda
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
leggi il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
apri il file pdf
 
apri il file pdf
apri il file pdf
 
 

Mariano Deidda nel nuovo lavoro dedicato a Pessoa dal titolo nel mio spazio interiore, si è fatto aiutare da fior fior di jazzisti: Enrico Rava alla tromba e Gianni Coscia alla fisarmonica. Ne è uscito un disco che suona per sottrazione, dove il minimalismo musicale si apre a incredibili scorci poetici.
(Silvia Boschero)

L'artista sardo pubblica il suo secondo disco dedicato al grande poeta lusitano Fernando Pessoa, dal titolo "Nel mio spazio interiore", un lavoro raffinato e colto. Deidda entra nella pelle dello scrittore portoghese con tale delicatezza e rispetto, valorizzandone l'inquieta malia.
(Alberto Dentice)
Deidda canta alcuni frammenti e poesie di Pessoa con un quintetto acustico, esprimendosi con l'estetica e la prassi del jazz, della tradizione classica e della canzone d'autore: la voce di deidda, calma e precisa, la scrittura musicale, straordinariamente semplice, trascinano l'ascoltatore in una tensione profonda verso la saudade.
(Riccardo Piaggio)
La canzone d'autore e il Jazz si occupano di letteratura alta. Nel mio spazio interiore, legato alle parole di Fernando Pessoa.
(Enzo Gentile)
Progetto di alto profilo quello di Mariano Deidda cantautore sardo che musica Fernando Pessoa. I testi dell'inquietudine pessoiana si accomodano dentro un suono da camera jazzato, improntato a un sofisticato minimalismo, creando movimenti melodici di scabro lirismo. Un progetto di canzone d'autore colta, ambiziosa e iperletteraria, concentrazione densa di severi echi orchestrali novecenteschi.
(Gianluca Veltri)
"Nel mio spazio interiore" è il ritorno di mariano deidda nei
territori poetici di Fernando Pessoa, la sentita e rispettosa
confidenza di deidda con l'autore portoghese riproduce una magia di
equilibrio e profondità sia nella costruzione degli arrangiamenti che
nell'intensità del canto.
(Luigi Iavarone)
Mariano Deidda mescola il jazz e i versi del poeta portoghese Fernando Pessoa, ascoltare "Nel mio spazio interiore" emoziona come la lettura diretta del poeta lusitano.
(Stefania Ragusa)
Nel mio spazio interiore è un disco carico di suggestioni, un mix di jazz e musica da camera, con i versi del grande poeta portoghese Fernando Pessoa.
(Cristina Cimato)
Secondo e più poetico passo di deidda nell'universo poetico di Fernando Pessoa, per ricercare l'essenza estrema di tanta carica vitale e le canzoni che ne conseguono, sono soprattutto respiro, fiato di un destino che prima di tutto è vita.
(Antonio Orlando)
Nel mio spazio interiore, un CD di canzoni e musica d'autore discreta, colta, raffinata, capace di far riflettere, cogliendo i tratti essenziali della poesia.
(Marco Basso)
Il massimo poeta portoghese del novecento, Fernando Pessoa, è la magnifica ossessione di un artista sardo, mariano deidda che interpreta Pessoa complice il trombettista Enrico Rava, seduce e incanta. Splendido...
(Roberto Casalini)
I versi del poeta portoghese, Fernando Pessoa, cantati con la cadenza sarda in sottofondo sax e fisarmonica, diventano un cult per gli amanti della musica d'autore.
(Massimo Cotto)

"L'artista sardo per nascita e torinese per adozione, più famoso in Portogallo che in patria, ha tenuto il concerto conclusivo della prestigiosa Feira do Livro....Mariano Deidda cher ha dedicato l'intero suo ultimo lavoro discografico all'arte poetica di Fernando Pessoa....hanno regalato momenti intensi ed emozionanti, culminati nel magnifico duetto con Celina Pereira..."
(Paolo De Bernardin)
"...il cantautore Deidda ambasciatore a Lisbona. Nella capitale portoghese ha inciso un disco sui testi dello scrittore Pessoa ottenendo un successo di pubblico e di critica..."
(Paolo Ferrari)
Un'ambientazione jazz cameristica per una voce che privilegia il recitativo... l'operazione non mancherà di stuzzicare il jazzofilo aperto, anche per l'estrema cura negli arrangiamenti e nell'architettura globale del lavoro, arricchito dal lussuoso e utilissimo booklet."
(Alberto Bazzurro)
"... i brani, delicati nella loro struttura compositiva, respirano un'atrmosfera di musica da camera dovuta ad un quartetto acustico formato da pianoforte, violoncello, contrabbasso e sax contralto..."
"...Deidda interpreta Pessoa, un lavoro in cui alle parole di Pessoa, filtrate e rilette da Mariano Deidda, danno forza e raffinatezza gli arrangiamenti dei brani e i musicisti che li interpretano.."
(Paola Molfino)
<> "...Un prodigio di equilibrio, delicatezza, rispetto. Il sardo Deidda entra nella pelle del lusitano Pessoa con grazia inaudita..."
(Massimo Cotto)
"...Bellissimo album che riesce nel difficile compito di farsi apprezzare come opera musicale..."
(Guido Giazzi)
"...su un terreno di colori e di odori si muove l'approccio di Deidda al mondo di Pessoa...una interpretazione decisamente efficace risucchia(no) l'ascoltatore nelle inquietudini di un acuto osservatore degli impercettibilicambiamenti che fanno la storia dell'uomo..."
(Pier Angelo Cantù)
"...Un progetto ambizioso e visionario. Mettere in musica una manciata di poesie del grande portoghese Fernando Pessoa. Lo ha fatto un italiano innamorato di Lisbona, senza però scomodare il fado: infatti le poesie sono rivestite di una raffinatissima musica da camera, volatile come la nostalgia..."
(Antonio Orlando)
"... il disco, diciamolo subito, è bellissimo (così come il libretto), ricco di atmosfere delicate e di dodici squarci poetici davvero toccanti. Molto del risultato è da iscrivere agli arrangiamenti curati principalmente da La Piana ... E' come se Deidda dettasse le intuizioni e La Piana le plasmasse per poi ridarle voce e calore attraverso Deidda stesso..."
(Francesco Paracchini)
"... le parole scivolano su atmosfere acustiche che tolgono amalgama sonoro e canto per suscitare incanto intellettuale dal forte rigore morale. Non c'è fado in Deidda, piuttosto la infatuazione mitteleuropea di Battiato (...) o l'introspezione jazzata di Fossati..."
(Gianni Nicola Caracoglia)
"... Mariano Deidda coglie certi tratti giocosi del poeta...espressi nella costruzione delle frasi,che vengono intonate con discrezione ed eleganza..."
(Paolo Scarnecchia)
"...la voce di Deidda non è certo pulita o tradizionale, ma risulta assolutamente convincente nell'interpretare una serie di canzoni d'autore che, sullo sfondo di raffinate atmosfere acustiche in bilico tra jazz e classica, riescono a tradurre fedelmente la profonda vena malinconica del poeta."
(Andrea Milanesi)
torna in home page
© 2002 - 2013 web & com ®